La dolce sella della Forcella di Zulino vista dal pendio che porta al M. Campagano.