EXTRA (diff.: EE - F, secondo dove ci si ferma): la cresta SE del M. Toro.

Ritratto di Max Lussana
Data scatto: 
Sabato, 14 Settembre 2013
Note: 
Ecco il M. Toro visto dalla parte finale della cresta SE (cresta accessibile - p. es. - dal 204A, dall'intaglio sullo spartiacque che ha i laghi di Montebello su un lato e la testata della Valcervia sull'altro). Fino a qui è stato di difficoltà al massimo EE. La parte finale della cresta (bolli rossi) è data F (= Alpinistica Facile... vale a dire un po' oltre la massima difficoltà escursionistica!). I bolli gialli indicano invece un leggero tracciolino che inizia ad aggirare detta cresta... poco dopo esso pare perdersi... però... però... salendo con cautela e affidandomi a San Ciuffo d'Erba (noto santo protettore degli escursionisti che escono dai sentieri... ; - ) ... ho messo piede sulla vetta. La discesa l'ho fatta per la cresta SO (quella a sx)... che però comporta pure essa alcuni passaggi di difficoltà F, non aggirabili. Pare anche possibile scendere per la cresta NO (da qui non visibile), aggirandola su un lato per contenere le difficoltà entro EE, giungendo poi verso il passo di Dordona (dal quale facilmente a Foppolo)... ma non è un percorso che conosco per esperienza diretta. QUINDI: vedete voi se affrontare il Toro! Anche solo giungere a rimirarlo dal posto della foto... è un vero spettacolo. Buona corrida a tutti!