Rifugi e bivacchi

Nel periodo invernale e primaverile è consigliabile telefonare al gestore del rifugio per avere conferma dell'apertura e per verificare le condizioni dell'innevamento del sentiero di accesso.

Rifugio Balicco

Mancava un rifugio sul sentiero 101, in quel tratto di Sentiero delle Orobie che collega il rifugio Benigni al rifugio Dordona. E la mancanza costituiva un problema serio per gli escursionisti che avevano necessità di fare sosta in zona ed erano costretti a fare tappe lunghissime, oppure a soggiornare in albergo: soluzione comoda, magari, ma non nello stile di chi fa trekking.

Da domenica 26 luglio 2015, la lacuna è colmata. Regione Lombardia, tramite il suo ente ERSAF, ha realizzato all’interno della Foresta regionale Azzaredo Casù, in comune di Mezzoldo (proprio “sopra” la casa di vacanze della diocesi Madonna delle Nevi) il rifugio dedicato a Marco Balicco, già sindaco del comune.

Italiano

Rifugio Benigni

Il Rifugio Benigni, di proprietà della Sezione CAI Alta Valle Brembana, di gradevole aspetto e di piccole dimensioni, è situato (a quota 2222 m) sulla testata della Valle di Salmurano, a breve distanza  dal Lago Piazzotti.

Italiano

Rifugio Brunone

BrunoneIl rifugio Baroni al Brunone è uno dei più alti rifugi delle Orobie (a quota 2297 m) e sicuramente il più faticoso da raggiungere. Per questo al Brunone si incontrano solo i veri appassionati della montagna, montagna che, tra l'altro, in questi luoghi è particolarmente selvaggia.

Italiano

Rifugio CAI Leffe

Sui dolci pendii del monte Golla, affacciato all'alta Valle del Riso, questa baita sociale del CAI Leffe chiamata anche Baita Golla (a quota 1756 m) è una preziosa base d'appoggio per gli escursionisti che percorrono i numerosi sentieri che raggiungono le vicine e facili vette della cima di Grem e del monte Golla.

Italiano

Rifugio Calvi

Il rifugio Fratelli Calvi si trova nel centro di una delle conche più belle dell'arco Orobico, a cui fanno capo tutte le maggiori elevazioni della Val Brembana. Tra queste spicca senz'altro la cuspide del Diavolo di Tenda, che costituisce sicuramente la montagna più rappresentativa della zona.

Italiano

Rifugio Cernello

CernellloCome spesso succede quando si raggiunge un "mini-rifugio" (baita sociale del CAI Alzano L.) come questo (a quota 1956 m), quando si sale alla baita Cernello pare di trovarsi d'un tratto in un luogo estremamente selvaggio e sconosciuto: così, passare una notte in autogestione in questo luogo, rappresenta un'esperienza senz'altro unica e raccomandabile.

Italiano

Rifugio F.lli Longo

LongoQuesto rifugio (a quota 2026 m) si trova un po' defilato dagli itinerari spesso seguiti dagli escursionisti: per questo è raccomandabile a chi preferisce, nella montagna, un po' di solitudine rispetto ai luoghi più affollati.

Italiano

Rifugio Gherardi

GherardiQuesto rifugio (a quota 1647 m) è facilmente accessibile dalla frazione Quindicina in val Taleggio e pertanto è raccomandabile a chi inizia a muovere i primi passi in montagna. L'ambiente è assolutamente dolce e privo di pericoli, ed offre un vastissimo panorama su tutta la valle e la pianura lombarda.

Italiano

Rifugio Laghi Gemelli

Rifugio Laghi gemelliIl rifugio (quota 1968 m) si trova sulle rive dei famosi laghi Gemelli, un invaso di oltre 5.000.000 di metri cubi di acqua. La zona è conosciuta col nome di "altopiano dei laghi" per la presenza di ben una decina di laghi artificiali a poca distanza tra loro.

Italiano

Rifugio Magnolini

Il rifugio M.O. Leonida Magnolini è posto in località Pian della Palù a quota 1610 m. a cavallo tra la conca di Clusone e la Valle Camonica. E' stato realizzato dalla Sezione CAI di Lovere ed inaugurato nel 1948.

Italiano

Pagine